Die A Violend Death [ENG+ITA]

SERIES: SHITTY movies that have no reason to exist!!!
SERIE: Film DI MERDA che non hanno ragione di esistere!!!
[ENGLISH VERSION]
After some time here is another review in double language! I tried my best as always, but some errors could have been made... In case let me know, or just forgive! Now let's see what this wack is about.

Do you know those movies without storyline, without originality, without a decent script, without any logical sense, without good actors? Well, this is one of those movies.
The “violent death” mentioned in the title must be referred to the decease due to boredom that happens after the firs, never-ending 20 minutes.
Die A Violent Death” is a Thai film composed by four short-movies shot by as many directors, just like “4bia” and “5 Prang”… But unlike the other two, this is a total shit!

               [WARNING: BELOW ARE WRITTEN THE FULL PLOTS.        
                             ANYHOW ALL OF THEM SUCKS,                        
                                   I’LL RATHER IMPROVE.]                               

In “Flame” (“FlameS” would have been better, but who cares) we need some time to understand what the hell is going on because it’s a continuous random flashback followed by a random flashforward, alternated with highly slumberous scenes of coupledom and post-funerary grief. BAH.
Pang lost his girlfriend during a fire broke out in a discotheque, but refuses obsessively her death thinking about their happy times spent together brushing teeth (…) and destroying the altar dedicated to her during the funeral. After an infinite series of whimpers, cheesy-assorted-times, special effects that a .GIF would’ve been much more believable; we understand that actually they both died enveloped in flames hugged.
Touching, huh? Shame that the fire scene is hilarious, to say the least! We see that Arm was in the toilet during the short-circuit, and then Pang tries anything to go and save her, ok? In this lapse of time she would have several chances to open that damned door and save herself alone, but she doesn’t. We also notice the wonderful windows installed in the shitting’s walls, vertical slits provided with glasses that can be opened, and we wonder why she does not open them in order to run away; seen that walk through the door was too demanding… No way: Arm thought it was much comfortable to sit down yelling “PAAAAAAANG HELP ME!” for 40 minutes waiting the fire to destroy anything.

The second, “Imprison” allow us to understand in 0,5 seconds that the plot is nearly the same of “Flame”. With the only difference that a boy just imprisoned is convinced that he is seeing the ghost of his hanged cellmate, but indeed the ghost his himself.
SO MUCH originality! Galore! At least it lasts less than the previous… Or perhaps it lasts the same, but I fell asleep because it is terribly boring.

In the third chapter “Revenge”, we assist the rowdy vengeance of a deaf-mute pusher to the detriment of a bimbo that tried to steal his drugs, so he strangles her and throws the body in the aqueduct on top of his house. Amateur’s blunder, because the creaking long-haired phantom of the bimbo will haunt whole building’s pipes, leaving as a souvenir for the inhabitants: hairs, nails and chopped off fingers. So it’s the classical pissed off ghost’s vengeance indeed, despite the deaf-mute had a good reasons to kill somebody trying to rob him… Anyhow and anyway you twist it, it remains junk.
Some noteworthy “beautiful” things: impressive scenes that DOES NOT scare, gloomy actors, the squeaky and annoying voice of the meddler neighbor. In comparison with her, Chip n’ Dale have rough truck driver’s voices.

The last, as much awaited as foul short movies is “Haunting Motel”. Two boys devoid of grey matter and good sense are looking for a prostitute to spend the night with. They find a wreck to pick up and go to a motel managed by the Simpson’s Crazy Cat Lady with two golden teeth.
Seen that banality is the name of the game, the Crazy Cat lady is obviously a creepy character that tells to the three invertebrates scary stories about the hunting of the motel. After worthless pseudo-funny scenes that won’t make you laugh even with tickles, we find out that the motel is truly hunted because somebody was killed in the room where the three morons are. And do not ask “Who?”, for it’s extremely easy to understand if you’ve read the plot of the previous movies… The three morons themselves! The two guys were secretly gay and stabbed each other while quarreling, the ample prostitute was killed for no reason by the Crazy Cat Lady.
                                [END OF THE SPOILER]                                   

It’s baffling: four movies by four different directors, and yet so equal and predictable. Equally predictable. Predictably equal. And fugly.
If this is an horror, we might as well watch the dumb MTV branded movies.


Dazzling special-FX in “Flame”:

Warning: watching “Imprison” may
cause sudden sleep wherever you are.

Here is “Revenge” with his long-haired
ectoplasm: high levels of terror.

Would you be afraid by an “horror”
starring this little old lady? I don’t think so.

______________________________________________
[VERSIONE ITALIANA]
Avete presente quei film privi di trama, privi di originalità, privi di una sceneggiatura quantomeno decente, privi di qualsivoglia senso logico, privi di attori capaci? Ecco: questo è uno di quei film. La "morte violenta" menzionata nel titolo si riferisce senza dubbio al decesso per tedio che sopravviene dopo i primi 20, interminabili minuti.
"Die A Violent Death" è un film thailandese composto da quattro mini-film girati da altrettanti registi, proprio come "4bia" e
"5 Prang"... Peccato che a differenza degli altri due, questo faccia cagare!

             [ATTENZIONE: DI SEGUITO SONO SCRITTE LE TRAME        
                  PER ESTESO. 
TANTO FANNO TUTTE SCHIFO,                
                         POSSO
 AL MASSIMO MIGLIORARLE.]                       
In "Flame" ("Fiamma", neanche "FiammE" che sarebbe stato più appropriato) ci mettiamo un po' a capire che diamine stia succedendo perché è un continuo susseguirsi di flashback e flashforward messi a casaccio, alternati a scene altamente soporifere di vita di coppia e desolazione post-funeraria. BAH.
Pang ha perso la fidanzata Arm in un incendio divampato in discoteca, ma rifiuta ossessivamente la sua morte ripensando ai bei momenti passati insieme a lavarsi i denti (...) e distruggendo l'altare a lei dedicato durante il funerale. Dopo una serie infinita di piagnistei, mielosità assortite, effetti speciali che se ci mettevano una .GIF era più credibile; capiamo che in realtà entrambi i fidanzati sono deceduti avvolti dalle fiamme mentre si abbracciavano, solo che hanno impiegato troppo tempo a capirlo.
Da lacrime, vero? Peccato che la scena dell'incendio sia a dir poco esilarante! Vediamo infatti che Arm era in bagno durante il corto circuito, e che in seguito Pang fa di tutto per andarla a prendere per portarla in salvo, ci siamo? In questo lasso di tempo lei avrebbe avuto molteplici occasioni per aprire quella diamine di porta e salvarsi con le sue stesse gambette, però non lo fa. Notiamo inoltre le splendide finestre installate nei muri del cesso, aperture verticali dotate di vetri apribili che volendo avrebbero permesso all'imbelle di uscire anche da quel pertugio, visto che andare alla porta risultava faticoso... Ma niente: Arm ha creduto che fosse più comodo starsene seduta ad urlare "PAAAAAAANG AIUTO!" per 40 minuti aspettando che il fuoco distruggesse qualsiasi cosa.

Il secondo, "Imprison" ("Imprigionare") ci permette di dedurre in 0,5 secondi precisi che la trama è pressoché identica a quella di "Flame". Con la sola differenza che un ragazzo appena entrato in carcere è convinto di vedere il fantasma del compagno di cella impiccato, mentre invece il fantasma è lui stesso medesimo.
TANTA originalità. Proprio a secchiate! Per lo meno dura meno rispetto al primo... O forse ha la stessa durata, ma io me lo sono dormito perché è tremendamente noioso.

Nel terzo capitolo, "Revenge" ("Vendetta") assistiamo alla tumultuosa vendetta di uno spacciatore sordomuto ai danni di una sciacquetta intenzionata a rubargli la droga, così la strangola e la butta nell'acquedotto sopra casa sua. Errore da dilettanti, perché lo spirito scricchiolante dai lunghi capelli scuri della sciaquina infesterà le tubature di tutto lo stabile, lasciando come souvenir agli abitanti: capelli, unghie e dita mozzate. Quindi la vendetta è in realtà del solito spirito incazzereccio, nonostante il sordomuto avesse tutte le sue buone ragioni per ammazzare una persona che cercava di derubarlo... Mah, comunque la si giri, rimane una pattumiera.
"Beltà" variegate degne di nota: le scene ad effetto che però NON fanno paura, gli attori tristissimi, la voce stridula ed odiosa della vicina impicciona. In confronto a lei, Cip & Ciop hanno voci da rudi camionisti.

L'ultimo, tanto sospirato quanto squallido corto è "Haunting Motel" ("Motel infestato"). Due ragazzi privi di materia grigia e buonsenso sono alla ricerca di una prostituta con la quale passare la notte. Trovano un rottame da caricare e si dirigono in trio verso un motel gestito dalla Gattara dei Simpsons con due denti d'oro.
Dato che la banalità è di casa, la Gattara è ovviamente un personaggio inquietante che racconta ai tre invertebrati storie di paura su come il motel sia infestato. Dopo inutilissime scene pseudo-comiche che non farebbero ridere nemmeno col solletico, si scopre che il motel è effettivamente infestato perché nella camera dove risiedono i tre brutti è stato ucciso qualcuno. E non chiedete "Chi?", perché vi basta ripensare alle trame precedenti per arrivarci... I tre brutti stessi, no? I due uomini erano segretamente gay e litigando si sono accoltellati a vicenda, mentre la prostituta opulenta è stata ammazzata senza motivo alcuno dalla Gattara.
                                      [FINE SPOILER]                                         

È sconcertante come quattro film di quattro registi diversi, possano essere così uguali e scontati. Ugualmente scontati. Scontatamente uguali. E schifosi.
Se questo è un film horror, tanto vale guardare le scemenze a marchio MTV.


Gli splendidi effetti speciali in "Flame":

Attenzione: la visione di "Imprisoned" potrebbe
farvi assopire ovunque voi siate.

Ecco "Revenge" con il suo ectoplasma
capelluto: alti livelli di terrore.

Vi farebbe mai paura un "horror" con questa
simpatica vecchiarella? Penso proprio di no.


Non potete resistere alla curiosità e volete vedere questa ciofeca? Si trova solo in lingua thai con sottotitoli italiani scazzati e fatti malissimo, vi ho avvertiti.
NON ringrazio Mattia per avermelo passato.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenti? Critiche? Spara la tua!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...