50 Sfumature di Nero

SERIE: Film DI MERDA che non hanno ragione di esistere!!!
A grande richiesta ho guardato per voi il secondo capitolo di questa trilogia. Se il primo per me era da etichettare come "film DISutile", questo passa di prepotenza nella sezione "film di MERDA che non hanno ragione di esistere".


  ** AVVISO RABBIA INCONTROLLATA **  
  SE CREDETE IN DIO, ALLAH, VISHNU, BUDDHA, GEOVA  
   CHIUDETE IMMEDIATAMENTE QUESTA PAGINA POICHÉ    
   A SEGUITO DI TALE RABBIA, POTREBBE 
   ESSERMI SCAPPATA QUALCHE IMPRECAZIONE.   

    [DI SEGUITO È SCRITTA LA TRAMA PER ESTESO]   

LE MIE CONSIDERAZIONI PERSONALI
SARANNO SCRITTE CON QUESTO COLORE
DI MODO CHE CHI VOLESSE, POTRÀ 
DIRETTAMENTE SALTARLE

È passato tempo da quando Anastasia (per gli amici PDS [PrimaDiSeno]) e Christian Gray si sono lasciati. Probabilmente sono trascorsi in realtà solo 2 giorni ma questo non ci è dato saperlo.
PDS viene invitata alla mostra fotografica di un amico dove con sua grande sorpresa, scopre che vi sono esposte delle gigantografie di scatti che l'amico le aveva fatto. Certo che Ana ha proprio il dono naturale di circondarsi da stalker e persone noncuranti di possibilissime denunce! Ben poco arrabbiata (questo un po' perché è scema, ma sopratutto perché non sa recitare) ed ignara di leggi su privacy e diritti d'immagine, sentiamo in sottofondo una signora che mormora:
"Hai sentito? Tutte le foto sono state comprate da un acquirente!".
E chi sarà mai questo non-misterioso acquirente?
Eccolo comparire come un vero maniaco alle spalle di Anastasia: il signor Grey! The stalker strikes back!
Sapete che ho avuto difficoltà a capire chi fosse sulle prime? Non ricordavo che il protagonista fosse così sciapo e senza carisma. Attraente come un piatto di riso all'olio di quelli che ti servono all'ospedale, un ragazzo non orribile ma di sicuro non bello della quale nessun dettaglio resta in memoria, per non parlare delle sue scarsissime doti recitative. Sarà proprio per questo che non me lo ricordavo! Scelta davvero azzeccata per il tipo di personaggio che dovrebbe rappresentare.
Christian chiede ad Ana di andare a cena per parlare e appena escono dalla mostra la sbatte contro il muro e la avvinghia con due metri di lingua. Dopo il flebile respingimento di lei, Grey dice:
"
D'accordo facciamo come vuoi tu. Andiamo a cena e parliamo."
... MA COS... COM... MA LO SCEGGIATORE... Vabbè, va.
Al ristorante c'è una svolta inverosimile. PDS chiede a Christian se lui voglia una "relazione vaniglia".
VANIGLIA?
Ha detto davvero "RELAZIONE VANIGLIA"???
Quella sciacquetta vergine fino a 10 giorni prima che manco sapeva cosa fosse un vibratore ora conosce tutta la terminologia del mondo fetish?!  HAHAHAHAHA, POVERI NOI!!!
"Vaniglia" in gergo BDSM indica una relazione "normale" dove non c'è nessuno dei due partner predominante, sadico, masochista ecc... Una coppia che lo fa solo alla missionaria come questi due pagliacci per intenderci. A 12 minuti e 40 secondi avevo già raggiunto il mio picco di sopportazione massima, cosa sarebbe accaduto nelle 2 ore e 09 successive, stavo male solo ad immaginarlo.
A fine serata il signor Grigio le regala una scatola enorme con dentro un iPhone (non ho capito la scelta dello scatolone da trasloco), lei lo sfodera, lo accende e risponde ad un SMS di lui chiamandolo "tesoro". AMMAZZA! 8 minuti prima ad inizio film diceva con sua madre al telefono che con Christian non poteva funzionare mai nella vita, ed ora che le ha regalato un iPhone guarda come è tutto cambiato - fetente profittatrice...
A questo punto mi sono distratta perché per me era davvero abbastanza e quando mi sono rimessa ad ascoltare lui le ha regalato pure un assegno da 24mila dollari. Lei fa la scena di quella alla quale non piace il ragazzo miliardario insistendo perché lui lo prenda indietro e lui le da una delle sue risposte da bomberissimo:
"Tienili. Questa cifra la guadagno ogni 15 minuti."
......
...............
ASPETTA................
Cioè lui guadagna 24.000,00 dollari ogni 15 minuti?!? QUINDICI FOTTUTI MINUTI!!! MA LO SCENEGGIATORE CHE POCO SOPRA HA INVERTITO I RUOLI NEI DIALOGHI SI RENDE CONTO DI CHE CIFRA HA SPARATO?!?!? In pratica Christian Gray guadagna più di 90.000 dollari americani ALL'ORA, che equivalgono circa a 70 mila miliardi di trilioni di Paperdollari al mese!!!! Questo fa di lui l'uomo più ricco non solo del pianeta, ma dell'universo conosciuto tutto. MA VAI CAGARE, PORCO D*O!!!
AnEstasiaTA continua a far la finta preziosa e strappa l'assegno, ma lui prontamente fa una chiamata ad uno dei suoi sgherri e gli dice di trasferirle 24.000,00 dollari sul conto. Al che Ana sclera (poco) e continua a chiedergli (poco) agitata:
"Come hai le mie coordinate bancarie? Come hai le mie coordinate bancarie??". STUPIDA E PIATTA OCA, STAI CON IL MEGA IMPERATORE GIGAGALATTICO DI PAPEROPOLI E TI CHIEDI COME POSSA AVERE IL TUO INUTILE IBAN?!?! Non è neanche un dato così segreto se proprio dobbiamo dirla tutta.
Assistiamo ad altre insipide scene di vita quotidiana da coppietta che fa la spesa durante la quale lei lancia a lui una scatoletta di gelato alla vaniglia condita da una battutina:
"Il tuo nuovo gusto preferito! ;)"
....... PER FORTUNA NON È MAI PIÙ TORNATA FUORI QUESTA COSA DELLA "VANIGLIA" PERCHÉ GIÀ LA PRIMA VOLTA MI ERO IMBRUTTITA, ALLA SECONDA MI SONO SENTITA OFFESA ED INDIGNATA A NOME DI TUTTO L'EMISFERO BDSM.
Finite 'ste scenette del cazzo tornano a casa e fanno sesso, lui le dice qualcosa di pseudo-kinky e lei smonta il suo "parlare di scoperie perverse". Questa è seriamente la definizione/frase più ignobile che orecchio possa udire, lui però "non sa cosa sia, ma gli piace come suona". RITARDATO. SUONA RITARDATO. E NON VUOL DIRE UNO STRACAZZO DI NIENTE.
Dopo altre interminabili scene di coppia, Grey toglie la camicia per rivelare ad Ana delle terribili cicatrici sul petto, una delle quali si nota che stava palesemente per staccarsi. MANCO UN TRUCCATORE BUONO, DIO C*NE, MANCO COL PONGO CE LA POSSONO FARE QUESTI. 
Cicatrici dicevo, che gli fece la sua abusatrice quando era piccolo spegnendogli addosso sigarette. Christian fa fare ad Ana una romantica mappa col rossetto attorno alla zona da non toccare. Mi sono sciolta ♥ Vomitando.
Ora ci spostiamo ad un ballo in maschera per ricconi annoiati e dopo troppe inutilerie variegate lei finalmente si sbarazza di quei pidocchiosi 24.000 dollari che proprio non voleva donandoli in beneficenza. Christian dice che per questo non sa se dovrebbe ammirarla o sculacciarla e lei non se lo fa dire due volte: capace di una trasformazione da ragazzina pia a zoccolone di quartiere in meno di 20 giorni, se ne vanno in una stanza a fare sesso. E lui la lega pure. Ma la prima volta non era finita per colpa delle sue "scoperie perverse"?! Oddio che confusione!!!
Tornati a casa scopano di nuovo sotto la doccia e tra copiose risa notiamo che lui indossa i pantaloni mentre fa sesso in ogni scena del film, ma sopratutto che ha ancora la "mappa" di rossetto disegnatagli sul petto la sera prima - immondo punkabbestia...
BLA BLA BLA, PDS spinge ogni 5 minuti perché lui la porti nella sua mitologica stanza rossa, e una volta dentro prende in mano quelle che sono evidentemente delle manette di cuoio con barra divaricatrice e chiede cosa siano. Che Ana non sapesse fare 2+2 neanche coi regoli si era capito da un pezzo, ma fino a non riconoscere quelle che sono evidentemente delle manette... E proprio lei che ora sa tutto sull'oscuro mondo masochista! 
Grey, per la prima volta intelligente, le dice che deve imparare a camminare prima di correre e lei risponde tutta sborona che ama correre.  MA COSA, CHE L'ALTRA VOLTA ALLA PRIMA FRUSTATA DATA CON FINTO VIGORE SEI SCAPPATA VIA!!! Per fortuna glielo fa notare anche lui, ma ciò nonostante, Christian la fa stendere, le mette quelle manette alle caviglie e poi afferra la sbarra divaricatrice e la ribalta da supina a prona con uno scatto animale.
Precisazione dovuta, lo strumento di costrizione della quale si sta parlando è QUESTO:

Penso che anche un bambino arriverebbe a capire che è DAVVERO SCONSIGLIABILE afferrare quella barra di metallo e usarla come uno spiedo per girare i polli a peso morto. Come MINIMO si potrebbero rompere entrambe le caviglie e in casi peggiori compromettere la camminatura (cit. sulla quale dovete cliccare ORA) della persona.
E questo Grey sarebbe il nostro espertone di dominazione.
Ora i due si spostano dalla stanza rossa alla stanza da biliardo e qui assistiamo alla vera magia di Hollywood: Ana imbuca una palla rossa in una scena ed un'altra palla rossa subito dopo, in un'altra buca. Inquadratura ampia sui due che girano intorno al biliardo e notiamo che sul tavolo c'è una TERZA PALLA ROSSA!!!! È palese più che mai che chiunque lavori a questo film sia un emerito imbecille, dato che un errore così cafone non dovrebbe mai verificarsi.

[CAPITANO ALTRE COSE NOIOSE CHE NON STO MANCO A RACCONTARE]

AnaLstasia dice a Christian che non potrà mai dargli quel tipo di sottomissione ed obbedienza che lui cerca,  ma noi non ci crediamo neanche per un minuto visto che:
1) diceva così anche nel primo film e poi ci è tornata insieme,
2) si crede tanto risoluta e di avere in mano le redini ma esegue in modo servile ogni richiesta di Gray (togliersi le mutande al ristorante, uscire di casa con delle palline stimolanti nella vagina, ecc...),
3) non ci avrebbero tirato fuori un'altra orrida pellicola/un altro libro di merda.

Accade quindi l'avvenimento tragico di questo capitolo: l'elicottero privato di Mr. Grigio da lui stesso guidato che rischia di schiantarsi, perdendo entrambi i motori e portandosi dietro una scia di fumo nerissimo fatta male a computer.
Ma noi abbiamo iniziato 'sto "Gola Profonda 2k17" per le scoperie perverse, quindi mandiamo avanti ►►FFWD e ce ne fottiamo!

Una volta tornato a casa, la coppietta torna finalmente nella stanza con le tende color borgogna e ORA SI ENTRA NELLA SCENA MADRE, CAZZOOOOOOOO!!!! FINALMENTE LE COSE SI FANNO SERIE!!!!
Grey mette ad Ana una benda rossa sugli occhi, manette ai polsi, le sparge un po' di Olio Johnson su quelle pere appassite che non possiamo definire seni, le toglie le manette e fanno sesso alla missionaria.
AH.
Tutto qui quello che succede nella tanto decantata stanza rossa? Benda sugli occhi e manette per un minuto d'orologio?
Wow.
Attribuire ad uno che dovrebbe esser "sadico" due schiaffi sul culo, una benda, ed un paio di manette.
Wow al quadrato.
Un rapporto sessuale che farebbe scandalizzare persino il Marchese De Sade. MA FATEMI IL PIACERE!!!!

Il film finisce bANALmente con Christian che chiede ad Anastasia di sposarlo tra sfarzosi fuochi d'artificio
PDS chiama tutta felice la madre per darle la lieta novella e la madre più contenta della figlia esclama:
"Tesoro, che notizia favolosa! Questa volta durerà, lo so!". MA CHE SAI?!?!? SEI LA STESSA MADRE ALLA QUALE 3 GIORNI PRIMA LA FIGLIA AVEVA DETTO CHE CON L'UOMO CHE STA PER SPOSARE NON AVREBBE MAI FUNZIONATO!!!
E infatti un dubbio atroce assale l'allocca genitrice:
"Ma... Non ti avrà chiesto di sposarlo perché..."
Ana: "No mamma, non sono incinta."
ED ECCOCI CATAPULTATI DA WASHINGTON D.C. AD UNA PICCOLA PROVINCIA DELL'ENTROTERRA DI MESSINA.
La madre sollevata (...) domanda alla figlia se lo avesse già detto al padre, e Ana: 
"No, lo ha fatto Christia, gli ha chiesto il permesso."
Madre: "Wow, lo ha fatto da vero cavaliere!"
Il permesso... IL PERMESSO!!!! Chiedo scusa ai lettori siciliani, volevo dire che siamo stati rimbalzati dal 2000 al MEDIOEVO.

Questi americani fanno tanto i progressisti con la teoria e poi vestono a lutto quando vengono in Italia ad incontrare il Papa, convinti che qui le donne siano ancora ferme a costumi di 70 anni fa; quando l'unico lutto che dovrebbero portare è per la morte dei miei neuroni causata da questa immondizia.
Io non ho parole per descrivere l'inettitudine di chi ha scritto 'sta roba, ma sopratutto di chi la apprezza.


Cazzo ridi anche te che stai leggendo?

Lo sguardo dell'erotismo vero e sincero espresso da AnaLstasia quando le è stato chiesto di sfilarsi le mutande da sotto il tavolo. 

50 Sfumature di Grigio

SERIE: Film totalmente DISutili...

Perché ho guardato “50 Sfumature di Grigio”? In effetti me lo sto ancora chiedendo, ma principalmente per vedere le parodie che ne hanno tratto. Come più o meno tutto il globo ero a conoscenza dell’argomento trattato e sicuramente avrei "capito" le parodie anche senza vedere l’originale, ma anche se a soli 8 minuti dall'inizio ho avuto l’impulso di interrompere la visione, dopo una lunga pausa (mi ero anche accorta che il film dura ben 2 ore!!!) ho deciso di stringere i denti e proseguire. Sono una persona stoica ed una blogger del brutto: l’ho fatto per l’audience!


Per i pochi là fuori che ancora non lo sapessero, il romanzo/film parla di una relazione BDSM (BDSM= Bondage, Dominazione, Sadismo, Masochismo; NdR.). Argomento interessante, peccato la storia pare scritta da una povera signora di mezza età insoddisfatta che spera di esser presa a frustate dal marito, il tutto però narrato con il linguaggio e l’immaginazione romantica di una quindicenne.
Eppure “50 Sfumature di Grigio” ha avuto un gran successo. Beh:
● molti libri di cacca diventano inspiegabilmente best-sellers. In più questo parla di “sesso estremo”, che trasgressione!!!
● Tratta di un qualcosa che intriga, ma che allo stesso tempo spaventa se così vogliamo dire; infatti:
● il più della popolazione pur non sapendo niente di BDSM ne ha una visione iper-critica e negativa, quindi magari ci si aspettava una sorta di documentario o manuale di istruzioni che spiegasse le dinamiche di certi giochi.
 Molte signore/ragazze uscivano dalle sale o finivano il libro convinte di dare una svolta improvvisa alle loro relazioni e riconquistare l’annoiato marito/fidanzato facendosi legare con pregevoli corde di seta rossa. Si volevano sentire un po’ zoccole salvo poi continuare ad additare come maiali tutti gli uomini del mondo. Coerenza questa sconosciuta.


Ciancio alle bande, parliamo tosto della trama.

In mezzo ad una marmaglia di nomi ignoti, l’unico personaggio di spicco che ho notato nei titoli di testa è il compositore della colonna sonora Danny Elfman. Ma seriamente? Ve la immaginate una scena di “sesso estremo” con questa musica di sottofondo?

Christian Grey è un giovanissimo imprenditore di successo. Un giorno, inciampa (letteralmente) alla porta del suo ufficio una imbranata studentessa universitaria di nome Anastasia che deve intervistarlo per il giornaletto studentesco. Quando i loro sguardi si incrociano è amore a prima vista, o quasi. Lui infatti la va a cercare al Leroy Meriln nella quale è impiegata, incurante di una possibile denuncia per stalking dato che lei non gli aveva mai detto dove lavorava.
Ma Anastasia interpreta questo gesto come "romantico" e già si immagina insieme lui in una villetta con 3 figli ed un cane da guardia. Inoltre il signorino Grey, giusto per unire l’utile al dilettevole, le acquista il
serial killer starter kit con corde, fascette fermacavi, lubrificante, acido e vanga. Fossi in lei due domandine me le sarei fatte...
A dispetto di stalking e acquisti ambigui Anastasia decide di accettare l’invito di Christian a prendere un caffè e lui coglie l’occasione per mette subito in chiaro di non essere la persona che fa per lei.
E sì, questa cosa non ha per niente senso.
Dopo alcuni regali costosi (che lui fa a lei) e scenate alla "ora ti faccio ingelosire, bastardo" (che lei fa a lui), la ragazza si risveglia dopo una sbronza nel letto di Christian. I due non hanno copulato, e scopriamo presto il perché: 
Christian spiega ad Anastasia che lui pratica BDSM e le uniche relazioni che gli interessano sono quelle dove la donna accetta di essere sottomessa. Lei sembra turbata, ma neanche più di tanto visto che decide in breve tempo di provare questa "tentazione estrema spericulata" (cit.). Christian asserisce inoltre che lui “non fa l’amore ma scopa forte”, testuali parole. Wow, l'atmosfera inizia a scaldarsi!!! Scherzavo.


Due doverose precisazioni:
Non ricordo a che punto Anastasia dice di essere ancora vergine. Aspetta, un'universitaria vergine nel 2015?! Questo è MOLTO POCO probabile e lo sarebbe stato anche nel 1995, eppure la ben poco intelligente fanciulla decide che la sua prima volta sarà con un "pervertito" che la vuole sottomettere. Mi sfugge il modo di ragionare di questa cretina...
Capiamo inoltre che lei è convinta d'aver conosciuto il grande amore della sua vita e di poterlo cambiare, mentre lei per lui è solamente (poca) carne da frustare.
Sommando questi due fattori, a soli 20 minuti dall'inizio (su 2 stramaledette ore, ricordiamo ancora una volta la durata della pellicola) ho pensato a tre possibili finali:
1) lui si innamora, la sposa e la smette di essere un "pervertito",
2) i ruoli si ribaltano e lui diventa il sottomesso, 
3) lei scopre il suo lato masochista e tutto continua semplicemente così. 

Torniamo al film.
Grey afferma con spavalderia di praticare "sesso estremo" ma quando finalmente vediamo la sua stanza dei giochi, tutto quello che c'è dentro sono 5 fruste e delle tende color borgogna. Questo rende l'affermazione di Grey assolutamente esagerata visto che un qualsiasi fantino possiede molte più fruste e non si pavoneggia vantando certi gusti sessuali. 5 fruste. Nemmeno una gag-ball, una maschera in cuoio, un completo in latex, un plug con coda di volpe, un poster di Rocco Siffredi. Da un miliardario "pervertito" che si atteggia tanto da bomber mi aspettavo di meglio.
Sia come sia, lei si fa frustare e la cosa pare pure piacerle. Forse perché lui le fa il solletico invece di suonargliele come si dovrebbe, e infatti la prima volta che usa la frusta come Dio comanda lei sclera e scappa via. MA COSA SI ASPETTAVA QUESTA FOTT*TA MENTECATTA?!?!
Comunque visto che lei decide di impelagarsi in una relazione "BDSM" (tutte le virgolette sono volute e dovute) lui le deve fare firmare il contratto standard che utilizza con ogni ragazza. Favolosamente ridicolo, sopratutto il punto che dichiara:
"La sottomessa non berrà in eccesso, non fumerà e non assumerà droghe per uso ricreativo"...
In pratica andare a letto col signor Grigio equivale a trasferirsi in un convento di clausura.

Le cose vanno avanti in maniera sdolcinata con tanto di cover versione pelo di "Crazy in Love" di Beyoncé a fare da colonna sonora, una cosa raggelante.
Christian propone ad Anastasia di uscire una volta a settimana come "una coppia normale", poi le dice che lei "lo sta cambiando", inoltre passano tutto il tempo a sbaciucchiarsi come due teenager deficienti. Ma lui non era il campione che non dorme con nessuna ragazza e che fa solo cose sporchissime? E invece TAAAAC: avevo ragione a pensare che sarebbe finita come il punto 1 dell'elenco sopra, prevedibilissimo.

Ma questo lo scopriremo negli altri capitoli - che a quanto si può dedurre anche solo dal trailer, saranno presumibilmente un mix tra i punti 1 e 3 lassù.
Questo primo film si chiude con una improbabile rottura fra i due causata dal "sesso estremo" che Christian continua a volere dalla pudica Anastasia. 
Ops, non ho messo l'avviso spoiler! Sempre ammesso che di spoiler si possa parlare per una produzione simile.

Concludo con un consiglio non richiesto: se un signor Gray o anche un signor Rossi -chissenefrega- pieno di soldi vi regala automobili e vi chiede in cambio di darvi par di frustate date pure male, fatevele dare e pigliatevi la macchina.

Al prossimo capitolo (ma anche no)!

Il gran ritorno! Doppia recensione "It Follows" + "Ouija"

Ben ritrovati, affezionatissimi lettori!
Che cosa è successo? Non scrivo da PIÙ DI UN ANNO!
Vi starete chiedendo se la mia voglia di scrivere sia diminuita, o se sia diventata una normalissima persona normale e noiosa che ha abbandonato il cinema di scarsa qualità. Ebbene no. La questione è ancora più ermetica ed inconcepibile, tanto sbalorditiva quanto aurea. Sono riuscita in un'impresa davvero complessa di questi tempi: ho trovato lavoro! E non un lavoro tanto per dire, ma un lavoro serio! Sono impiegata full-time, ho un contratto regolare, non sono pagata a voucher, maturo ferie; e tutto questo senza aver iniziato attività criminose!!! 
Lavorando fuori città tuttavia, passo più di 10 ore fuori casa, il che mi rende plausibilmente knock-out al rientro. Gli hobby e la vita sociale hanno accusato un duro colpo, il blog in primo luogo dal momento in cui fatico a guardare un film intero, figuriamoci farci una recensione poi. So anche che dovrei metter mano a questo layout indefinito e che rende la lettura troppo faticosa, e vi giuro che appena mi sarà possibile lo farò!
Lavoro a parte, c'è anche da dire che nell'ultimo periodo ho guardato più serie TV che film e infatti avevo pensato di proporvi una lista delle serie viste con breve recensione, poi ho realizzato che:
    1) ho guardato solo telefilm belliFFimi, ed io ritengo poco etico e poco divertente de-scrivere cose belle
    2) sarebbe un lavoro infinito per la quale difficilmente riuscirei a trovare il tempo necessario;
quindi ho deciso di accantonare l’idea e di presentarvi due titoli di dubbia utilità visionati di recente: "Ouija" e "It Follows", quest’ultimo consigliatomi da non ricordo chi che parla di non so bene cosa.

IT FOLLOWS

I trailer sono sempre pompati a mille e questo è un dato di fatto (se la cosa sia lecita oppure no, è un altro discorso). Vi sarà sicuramente capitato di essere tratti in inganno da un promo che prometteva un film megagalattico per poi ritrovarvi di fronte ad una immensa schifezza; ed ecco uno dei motivi principali per il quale non guardo mai trailer, così non mi creo false aspettative.
I trailer e le locandine di "It Follows" sono impregnate di scrittoni tipo:
"AGGHIACCIANDE! L’HORROR PIÙ RIUSCITO DELL’ULTIMO DECENNIO! UNO SPETTACOLONE CHE PROPRIO GUARDA NON PUOI CAPIRE! 
QUESTO FILM È SIA ARTE CHE PARTE!".
Interessante, ma avrei parecchio da ridire in merito.

C’era una volta una ragazzina bionda di circa 19 anni di nome Jay (da ora in poi abbreviato ancora di più in J). I suoi genitori l’avevano chiamata così perché erano assenti e svogliati, e in quanto americani utilizzano nomi che non significano niente; quindi voilà: les J sont fait!
J esce da poco con Jeff e nonostante lui sia lo strambo della città, lei vorrebbe concederglisi dolcemente. Dopo il fattaccio tristemente accaduto sui sedili posteriori dell’auto di lui parcheggiata davanti ad un ospedale abbandonato, Jeff addormenta J col cloroformio e la lega ad una sedia a rotelle. Al suo risveglio J inizia ad avere strane visioni di donne seminude con seni molto piccoli e pubi molto pelosi. Jeff le spiega che avendo fatto all’amore con lei, le ha attaccato una sorta di maledizione che funziona più o meno così: la persona maledetta inizia a vedere strani individui che lo inseguono e per scollarsi di dosso questa entità stalker, il maledetto deve fare sesso con qualcun altro al fine di attaccargli la maledizione. Il nuovo soggetto colpito da maledizione deve inoltre riuscire a sopravvivere alle presenze nefaste altrimenti, in caso di morte; la maledizione tornerà sulla persona che era maledetta in precedenza, AKA la persona con la quale ha fatto sesso. Su questa "maledizione" non ci è dato sapere altro se non che l’entità inseguente cambia in continuazione forma e colore a seconda delle necessità, e che può pedinarti solo nei giorni in cui girano le targhe a numeri dispari.
Seguiamo quindi la vita di J dopo questa agghiacciante (ma dove?) esperienza.
Intuiamo che la ragazza vive con sorelle e amici in un quartiere talmente residenziale che il suo dirimpettaio è un ragazzino della sua stessa età che vive da solo in una villetta a due piani (!!!), tuttavia la suburbia circostante è in tonalità talmente grigie e nere che Tim Burton si è sentito in difetto dopo aver visto questa location. Che fine abbiano fatto i genitori di tutto questo ragazzume non si sa, ma non si vede l’ombra di un adulto in tutto il film.
Quando J inizia a parlare delle sue visioni viene giustamente presa per pazza paranoica perché nessun altro a parte lei vede questa entità che la insegue, poi di punto in bianco e senza presupposti validi i suoi amici iniziano a credere a questa bizzarra storia di stalking sovrannaturale ed iniziano ad architettare piani per sbarazzarsi di questa invadente "cosa" che ben poco hanno di furbo; tipo buttare vari elettrodomestici accesi in una piscina mentre J vi è ammollata dentro... Io boh.
Che poi, questa presenza non è che faccia tutta ‘sta gran paura: in primo luogo non ti insegue proprio sempre sempre sempre ma solo quando non ha niente di meglio da fare; poi non può neanche accedere alle zone ZTL.

"IT DOESN'T THINK. IT DOESN'T FEEL. IT DOESN'T GIVE UP." dice una delle locandine. Doveva essere il leitmotiv anche del regista.
Un film decisamente nebuloso che lascia il tempo che trova, non capisco davvero l’entusiasmo di quelli che gli danno recensioni positive, ma probabilmente coloro che lo apprezzano sono i soliti pseudo-intellettuali da cinema che schifano film bellissimi a favore di soliloqui bielorussi girati in fabbriche abbandonate da registi post-sovietici.
Gli attori non sono bravi, i dialoghi sono ridotti all'osso, la paura e la suspance totalmente assenti (e meno male che era il "film più spaventoso ever"); in sostanza manca proprio tutto. 
Una enorme perdita di tempo che narra nulla. Sconsigliatissimo.

OUIJA

Imbarazzo e noia percepiti dal primo all'ultimo minuto. Questo "horror" adolescenziale mischia 
- un 40% di elementi presi da film asiatici con fantasmi capelluti, 
- un altro 40% di idee rubacchiate da un qualsiasi film sulla possessione demoniaca e 
- il restante 20% è la componente di film su studenti al campus universitario; buttato tutto insieme in un tremendo cocktail per niente riuscito.

Lane è la classica ragazza americana di buona famiglia (morta) che vive con Sarah, la classica sorella ribelle tutta borchie e sopracciglia incolte. Subito all'inizio del film, Debbie, la migliore amica di Lane, si impicca dopo aver fatto una seduta spiritica con una tavola Ouija – oggetto che in questo film si ostinano a chiamare TAVOLETTA, termine ignobile che proprio non si può sentire e che rievoca semmai la cioccolata o la più bianca tavoletta del water.
Addoloratissima per la perdita e messa a guardia della casa vuota di Debbie (ma poi perché mettere una studentessa a fare la guardiana notturna in una casa dove c'è stato un suicidio?) Lane trova la Ouija incriminata e decide di utilizzarla per parlare con la sua migliore amica decessa; così chiama il gruppo di amici e insieme si mettono a fare questo "gioco"- altro termine inesatto usato eccessivamente. La cricca riesce a mettersi in contatto con qualcosa, ma si capisce subito che non si tratta della ragazzina defunta, altrimenti che film di paura sarebbe? (anche se poi in effetti, non lo è). Tuttavia nessuno ne esce particolarmente turbato nonostante le manifestazioni malevole tipo luci che si spengono ed oggetti che vengono scaraventati per aria. 

L'unico idiota che inizia a spaventarsi lo fa nel momento meno plausibile: quando deve attraversare un sottopassaggio lungo sì e no 10 passi, illuminato A GIORNO dalla LUCE DIURNA che filtra da sopra. Ad un certo punto gli ruzzola davanti un tampax XXL (o il pene di una statua di Priapo, non si è ben capito) ed un carrello della spesa viene sbalzato contro il muro. Ora doveva iniziare a spaventarsi, non 15 minuti prima!!!
Nel frattempo Lane trova nella soffitta della casa della fu Debbie alcune vecchie foto ed articoli di giornale che la inducono ad improvvisarsi una sedicente investigatrice del paranormale. Scopre infatti che anni prima in quella casa abitava una signora con due figlie, una delle due posseduta da un tristo spirito, e per contenere la malignità che si era impossessata della piccola; la madre le aveva cucito la bocca.
Il gruppo di amici che aveva partecipato al "gioco" con la "tavoletta" (queste parole mi tirano scema!!!) va pian piano decimandosi in modi più o meno stupidi e solo le due sorelle rimangono in vita (aaaaah i cliché!).
Lo scontro finale  spettro VS. sorelle è qualcosa di tremendamente ridicolo e totalmente prevedibile, un mix tra "The Ring" e "L'Esorciccio". Terribile!

Una produzione credo e spero destinata a un pubblico di bambini al loro primo film "di paura", perché a meno che tu non sia tra gli 11 e i 13 anni; non hai motivo per buttare un'ora e mezza della tua vita alla ricerca di un brivido o di uno spavento che non troverai .
Decisamente meglio il prequel "Ouija - L'origine del male".
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...