Bereavement

SERIE: Film DI MERDA che non hanno ragione di esistere!!!

«...un film capace di eguagliare se non addirittura
superare "Martyrs
(Ma dove?! Questo con "Martyrs" non c'entra proprio una fava.)
«...il film non è facile da digerire, nemmeno per
gli stomaci più corazzati...
» 
(Sì sì, certo, un po' come guardare "Alice nel paese delle meraviglie".)

Che il regista sia un tantino megalomane, lo si capisce dai titoli di testa che sono circa così:
"Dal produttore Stevan Mena, un film scritto da Stevan Mena.
Regia: Stevan Mena.
Musiche: Stevan Mena.
Fotografia: Stevan Mena.
Cast: 
Gnocca: Stevan Mena, Pazzo Stempiato: Stevan Mena, Bambino Rapito: Stevan Mena, Sfigato Che Muore: Stevan Mena, Zio/Zia/Cuginetta: Stevan Mena"
La trama è la più ovvia ed abusata nel campo horror da decenni, dove la violenza e la tortura sono totalmente immotivate.

    [ATTENZIONE: DI SEGUITO È SCRITTA LA TRAMA PER ESTESO]     
Pazzo Stempiato è un ex-macellaio che abita nella sua catapecchia di campagna in santa pace, e passa il suo tempo parlando con un teschio di zebù e scuoiando di tanto in tanto una ragazza scelta a caso dall'elenco telefonico. 
Un giorno sequestra Bambino Rapito, un bimbo muto e scemo che a causa di una rarissima sindrome non prova dolore; e per questo ha la forza di Hulck, le emozioni di Adolf Hitler e l'espressività di Nicoletta Kidman. Il rapimento durerà 5 anni, durante la quale Pazzo Stempiato e Bambino Rapito entreranno in simbiosi sbudellando giovincelle e sorseggiando brandy con il teschio di zebù
Tutto procede adorabilmente nella catapecchia, finché non arriva in zona Gnocca: una ragazza che da Chicago si è trasferita nella ruspante città di campagna per vivere con i suoi Zii e la Cuginatta perché i suoi genitori sono morti.
Gnocca conosce Sfigato Che Muore e mentre sono lì lì per zompare arriva lo Zio che li interrompe, così lei; incazzata come una vipera, se ne va di casa. Trotterellando per le campagne vede Bambino Rapito dentro la catapecchia e come da cliché, entra nella casa degli orrori e fa il tour dell'immenso porcile sotterraneo, tra cadaveri e vasetti contenenti marmellata di intestini. 
Arriva Pazzo Stempiato, visibilmente irritato perché Gnocca con le sue urla lo ha distratto mentre stava prendendo un caffè con il suo amico teschio di zebù; così la chiude in una cella frigorifera.
Zio va a cercare Gnocca a casa di Pazzo Stempiato e si prende una fucilata.
Sfigato Che Muore va a cercare Gnocca a casa di Pazzo Stempiato e viene affettato con un machete.... Insomma, diciamocelo: Gnocca è una bella ragazza, ma porta decisamente sfiga perché CHIUNQUE intorno a lei MUORE di una morte tremendamente dolorosa!
Ad ogni buon conto, Gnocca riesce a scappare con Bimbo Rapito e ritorna a casa degli Zii; dove però è precedentemente arrivato Pazzo Stempiato, che ha già provveduto a dar fuoco a mezza casa, ad uccidere la Zia e si appresta a macellare pure la Cuginetta. Gnocca sale le scale, accoltella Pazzo Stempiato e rassicura la Cuginetta che è tutto finito... Ma dov'è Bimbo Rapito?!
Gnocca scende le scale e Bambino Rapito le spunta alle spalle con un "BUBÙ SETTETE" e la finisce con 842 coltellate.
Cinque secondi dopo, Bambino Rapito truciderà anche Cuginetta
NESSUNO sopravvive, nemmeno Gnocca; perché porta talmente sfiga che muore anche lei stessa.
FINE.

...Anzi no, il vero finale è DOPO i titoli di coda (dove si finisce di leggere il cast: 
"Comparse 1,2,3,55: Stevan Mena.
Luci: Stevan Mena.
Truccatore: Stevan Mena.
Effetti Speciali: Stevan Mena.
Girato a casa di: Stevan Mena.")
Con un balzo spazio-temporale arriviamo a cinque anni dopo lo sterminio di casa Gnocca. C'è una ragazza mascolina che scappa di casa perché non riesce a far nulla contro il monosopracciglio che la assilla, e correndo per il contado arriva affannata nell'infausta catapecchia... Entra e vede Bimbo Rapito, cresciuto e in buona salute (ma sempre muto e scemo) intento a giocare una partita a briscola con il teschio di zebù.
Per niente meravigliata, chiede: "Mi puoi aiutare?" (a far cosa non si sa), e Bimbo Rapito si volta con gli occhi iniettati di sangue: questi maledetti contadini hanno il vizio di interrompere qualsiasi attività stiano svolgendo i Pazzi con il loro amico zebù! Capiamo così che la ragazza villosa farà una bruttissima fine...
FINE. Per davvero questa volta.
                                     [FINE SPOILER]                                         

In conclusione
: dura un secolo e tre quarti, è lento e stupido; e non c'è niente di bello per la quale valga la pena buttare quasi 2 ore di vita. Alla fine non si capisce un cazzo, se non forse che i teschi di zebù sono i migliori amici dell'uomo.
Fatevi questo piacere: evitatelo. E se proprio non potete farne a meno, sappiate che esiste solo in inglese con sottotitoli in italiano.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenti? Critiche? Spara la tua!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...